Studio di Consulenza del Lavoro e Selezione del Personale Dott.ssa MANUELA TRAPANESE Delega n°CL10050FL
Studio di Consulenza del Lavoro e Selezione del PersonaleDott.ssa MANUELA TRAPANESE Delega n°CL10050FL

INDENNITÀ DIMOBILITÀ ANTICIPATA - (art. 7 c.5 L.223/91)

I lavoratori licenziati che fruiscono dell’indennità di mobilità possono richiedere la corresponsione anticipata dell’indennità per autofinanziarsi l’inizio un'attività autonoma, imprenditoriale o di associazione in cooperativa.
La domanda va presentata all’INPS – entro 60 dalla data di inizio dell'attività autonoma o dell’associazione in cooperativa o nei 60 giorni successivi al licenziamento se l’attività è iniziata prima del licenziamento, per il tramite del Centro per l’Impiego competente per territorio, utilizzando l’apposito modello Domanda di anticipazione dell’indennità di mobilità – Modello DS21/ANT Codice SR24 – allegando la documentazione richiesta.
L’anticipazione, esemplificativamente, può essere concessa per l’avvio di attività di artigiano, commerciante, agente e rappresentante di commercio o mediatore, libero professionista, socio di cooperativa.

L’importo dell’anticipazione – su cui è operata la trattenuta IRPEF - è pari all'intera indennità dimobilità spettante, decurtata delle mensilità già eventualmente percepite.
Nel caso in cui il lavoratore dovesse nuovamente trovare occupazione - nei 24 mesi successivi alla data di erogazione dell’anticipo - è tenuto a restituire la somma percepita a tale titolo in un’unica soluzione ovvero, a domanda, in massimo 12 rate mensili.

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© Copyright 2013 Dott.ssa Manuela Trapanese P.IVA: 01733890857